Tel. 010 5957269 / Cell. 335 6534349

ADEMPIMENTI F-GAS

Adempimenti F-GAS
(IN AGGIORNAMENTO)

Il Regolamento (UE) n. 517/2014 ha notevolmente abbassati i limiti di controllo di emissione degli F-GAS: ciò significa che, oltre ai sistemi di climatizzazione e pompe di calore di una certa potenza, i controlli dovranno essere effettuati anche su climatizzatori multisplit a uso domestico. Assistenza Moretti che opera su tutta la provincia di Genova e nell’area del basso Piemonte in provincia di Alessandria, si occupa anche di fornire ai clienti un supporto importante per comprendere, prima di tutto, se l’impianto rientra o meno fra quelli soggetti a tali controlli e, una volta stabilito ciò, offre supporto in tutti i passaggi previsti dalla normativa per un corretto adempimento della stessa nei suoi molteplici aspetti.

Di seguito vi illustriamo brevemente la normativa con le tempistiche e gli obblighi previsti.
In base al Regolamento CE n. 517/2014 gli impianti di climatizzazione, refrigerazione e pompe di calore non vengono più classificati per il contenuto in kg di F-Gas, ma vengono identificati in base al loro effettivo potenziale potere di riscaldamento globale (GWP, Global Warming Potential); l’unità di misura è diventata quindi la tonnellata equivalente di CO2, con le seguenti tempistiche di controllo per gli operatori certificati:

  • Tra le 5 e la 50 tonnellate di CO2 equivalente almeno 1 volta ogni 12 mesi (ad esempio il gas refrigerante R410A ha un GWP di 2,088 e il nuovo limite è di 2,4 kg; il gas R407C ha un GWP di 1,774 e il nuovo limite è 2,8 kg; mentre il gas R32 ha un GWP di 675 e il nuovo limite è 7,4);
  • Tra le 50 e le 500 tonnellate di CO2 equivalente almeno 1 volta ogni 6 mesi (ad esempio il gas refrigerante R410A ha un GWP di 2,088 e il nuovo limite è di 24 kg; il gas R407C ha un GWP di 1,774 e il nuovo limite è 28,2 kg; mentre il gas R32 ha un GWP di 675 e il nuovo limite è 74,1);
  • Sopra le 500 tonnellate di CO2 equivalente ogni 3 mesi (ad esempio il gas refrigerante R410A ha un GWP di 2,088 e il nuovo limite è di 239,50 kg; il gas R407C ha un GWP di 1,774 e il nuovo limite è 281,9 kg; mentre il gas R32 ha un GWP di 675 e il nuovo limite è 740,7).

Nel caso in cui sia stato installato un sistema di rilevamento delle perdite, le tempistiche di tali controlli raddoppiano, ossia nel caso A) i controlli devono essere effettuati ogni 24 mesi, nel caso B) ogni 12 mesi e nel caso C) ogni 6 mesi.

Gli operatori certificati devono fornire, gestire e aggiornare il registro di apparecchiatura che deve essere sempre a corredo dell’impianto e contenere le seguenti informazioni:

  • la quantità e il tipo di gas fluorurato ad effetto serra;
  • le quantità di gas fluorurati ad effetto serra aggiunti durante l’installazione, la manutenzione, l’assistenza o in caso di perdita;
  • se le quantità di gas fluorurati ad effetto serra installati siano state riciclate o rigenerate, includendo il nome, l’indirizzo e l’eventuale numero di certificato dell’impianto di riciclaggio o di rigenerazione:
  • le quantità di gas fluorurati ad effetto serra recuperati;
  • l’identità dell’impresa con relativo numero di certificato che ha provveduto all’installazione, all’assistenza, alla manutenzione, alla riparazione o allo smantellamento delle apparecchiature;
  • le date e i risultati dei controlli effettuati;
  • qualora l’apparecchiatura sia stata smantellata, le misure adottate per recuperare e smaltire i gas fluorurati ad effetto serra.

Il Decreto Legislativo n. 26/2013 stabilisce che l’operatore che gestisce apparecchiature di refrigerazione e di condizionamento d’aria o pompe di calore contenenti F-Gas e che non tiene il registro o riporta informazioni inesatte, incomplete o comunque non conformi, è soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria da 7.000,00 a 100.000,00 euro.

Inoltre, per gli impianti che rientrano nelle tre categorie sopra indicate, è obbligatorio per il proprietario dell’apparecchiatura o dell’impianto eseguire entro il 31 Maggio di ogni anno una dichiarazione annuale sul portale dell’ISPRA (SINANET) relativa all’anno precedente contenente i seguenti dati:

  • dati identificativi: operatore, persona di riferimento, sede di installazione;
  • numero e tipologia di apparecchiature presenti;
  • informazioni di dettaglio: tipo di sostanza, carica circolante, quantità aggiunta nell’anno di riferimento, quantità recuperata/eliminata nell’anno di riferimento, motivo dell’intervento.

La dichiarazione va presentata anche nel caso in cui l’impianto nel corso dell’anno di riferimento non abbia subito alcun rabbocco e quindi non vi siano state emissioni di gas in atmosfera.

Nel caso in cui il proprietario ha delegato l’effettivo controllo dell’apparecchiatura o del sistema ad una società esterna (tramite contratto scritto), la trasmissione dei dati contenuti nella dichiarazione deve essere effettuata da quest’ultima.

E’ prevista la sanzione amministrativa da 1.000,00 a 10.000,00 euro nei confronti dell’operatore che:

  • non provvede ad inviare, entro il 31 maggio di ogni anno, al Ministero dell’Ambiente, tramite dell’istituto superiore per la protezione e la ricerca dell’ambiente (ISPRA), la dichiarazione contente le informazioni riguardanti la quantità di gas fluorurati ad effetto serra emessa in atmosfera nell’anno precedente;
  • trasmette al Ministero, per il tramite dell’ISPRA, una dichiarazione incompleta o inesatta;
  • utilizzi una dichiarazione non conforme al formato previsto dal Ministero dell’Ambiente e pubblicato nel proprio sito internet.
ASSISTENZA MORETTI s.r.l.

Sede Operativa
Via C. Finocchiaro Aprile, 38r

16129 Genova (Ge)
Tel. 010 5957269
info@assistenzamoretti.com
Lunedì - Venerdì 8:00 - 19:00
Sabato 8:00 - 17:00
Domenica Chiuso

Magazzino
Via Maddaloni, 20r-22r-24r

Direzione e Amministrazione
Via Maddaloni, 24ar
16129 Genova (Ge)
Lunedì - Venerdì 8:30 -13:00/14:00-17:30
Sabato e Domenica Chiuso

R.E.A. GE-412568
Capitale sociale € 100.000,00

Servizio Tecnico

Lunedì – Venerdì 8:00 - 18:00
Sabato 8:00 - 17:00
Domenica* 9:00 - 13:00
*solo durante il periodo invernale

Assistenza ufficiale

EMERGENZA CORONAVIRUS

Per salvaguardare il più possibile la salute di tutti, staff e clienti, andando incontro a quanto richiesto dalle direttive del DPCM 11 marzo 2020 in merito all’organizzazione del lavoro ma rientrando nella categoria “servizi pubblici essenziali” così come previsto dagli artt. 1 e 2 della L. 146/90, garantiremo il servizio tecnico dedicato ESCLUSIVAMENTE a problematiche di SICUREZZA e FUNZIONALITA’ degli apparecchi di primaria necessità (problematiche relative al gas, funzionamento riscaldamento e produzione acqua calda).

 

📞INTERVENTI TECNICI PER SOLE URGENZE

Il personale tecnico è operativo dalle 08:00 alle 17:00 dal lunedì al venerdì chiamando il numero 335 65 34 349.

 

📞SUPPORTO TELEFONICO PER  SOLE URGENZE

Un’impiegata del call center sarà a vostra disposizione al sabato dalle 09:00 alle 17:00 per dare supporto telefonico.

 

PREDILIGERE PAGAMENTI POS

Ormai da tempo, tutti i nostri tecnici, sono dotati di POS portatili. Questo ci permette di limitare l'uso delle banconote in quanto possono agevolare il diffondere del virus.

 

DISPOSIZIONI DI PROTEZIONE

Il nostro personale è stato istruito e dotato con le opportune disposizioni di sicurezza. Tuttavia se ci fossero situazioni di persone con sintomi influenzali siete pregati di comunicarcelo per rimandare l’appuntamento.

 

CHIUSURA UFFICI

Gli uffici rimangono chiusi fino a data da destinarsi.

 

SOSPENSIONE SERVIZIO TECNICO INVERNALE 7 SU 7

Il servizio tecnico invernale “7 su 7” viene sospeso in anticipo, rispetto agli anni scorsi, a partire dal 15 marzo compreso, complici anche le temperature più miti.

 

SOSPENSIONE DI TUTTE LE MANUTENZIONI ORDINARIE E LAVORAZIONI NON URGENTI
Tutte le manutenzioni ordinarie e lavorazioni non urgenti sono rinviate, per ora, a dopo il 25 marzo.

You have Successfully Subscribed!